< Blog

fra – la preposizione

Andare per monti

C’è una cosa ovvia, eppure nient’affatto banale, dell’andare per monti: si sale, si sale, si sale… e poi si scende, si scende, si scende. E salire e poi scendere è tutto ciò che si fa, tutto ciò che si sente, tutto ciò che conta.

Esistono solo le gambe e la schiena, il suono dei passi, il battito del cuore, le forme e i colori del paesaggio intorno, l’aria, la pace, il mistero.

La montagna, con la sua vastità maestosa, ci permette di percepirci come siamo: minuscoli, minuscole. Siamo lì, esistiamo e basta, abbiamo soltanto la nostra vita.

Per avermi spesso fatto sperimentare la mia piccolezza e finitudine, le Alpi sono state parte della mia formazione. Mi hanno istruita, educata – definendo il mio sguardo sul mondo, influenzando il mio stile di vita, regalandomi strumenti anche professionali.

Da bambina, andando per monti ho imparato lo stupore, la gioia della fatica, l’entusiasmo della scoperta, la fiducia, il silenzio. Poi, crescendo e frequentando la montagna da sola, ho imparato il peso dell’essenziale, il rischio, l’autosufficienza, la gratitudine, la libertà.

In montagna ci si spoglia. Occorre solo salire e scendere. Non servono ruoli, appartenenze, identità. Né opinioni, concetti, cose.

Ci si spoglia, ci si libera. Si esiste, si vive.

Categorie dei post

Potrebbero interessarti anche...

Strumenti

Filosofia

Una breve descrizione della filosofia, per mostrarne la specificità e la possibilità di utilizzo nel lavoro di consulenza e formazione.

Strumenti

Pedagogia

Un breve ritratto della pedagogia, per chiarire perché e in che modo definisce il mio approccio e contribuisce al mio lavoro.

Essenza

Un’immagine, una metafora

Una descrizione metaforica del lavoro di formatrice, per mostrarne la delicatezza e insieme la potenza.

Freelancing

Apologia del business plan

Una breve apologia del business plan, scritta da una che all’inizio ne ha avuto timore ma da qualche tempo lo fa con entusiasmo.

Torna in alto